Vermicelli al pesto di zucchine e salmone

Un piatto per tutte le stagioni, delicato e saporito ma soprattutto ideale per ogni occasione.
E’ un vero e proprio incontro di gusti, la cremosità del pesto di zucchine avvolge come un caloroso abbraccio i vermicelli ed il salmone che, a sua volta, dona un tocco deciso a questo piatto.
Stupite i vostri ospiti o i vostri famigliari, vedrete che le richieste di “bis” non mancheranno.
Pronti a prepararli insieme a noi ?


Ingredienti per la pasta
320 grammi di vermicelli
300 grammi di filetto di salmone
20 grammi di olio d’oliva
Sale q.b.
Pepe q.b.

Per il pesto di zucchine
200 grammi di zucchine
125 grammi di olio d’oliva
30 grammi di pinoli
30 grammi di parmigiano reggiano grattugiato
10 grammi di basilico
10 grammi di mandorle
Sale q.b.


Preparazione
Per iniziare prepariamo il pesto, prendete le zucchine lavatele e grattugiatele, mettetele in colino con del sale in modo che perdano la loro acqua di vegetazione.
Una volta pronte, mettete le zucchine in un mixer ed aggiungete i pinoli, le mandorle, il parmigiano, un pizzico di sale, l’olio ed il basilico; frullate il tutto fino a ottenere una crema omogenea e ben amalgamata.
Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata per cuocere i vermicelli e passate a preparare il salmone, tagliatelo a fette non troppo sottili e ricavatene delle listarelle lunghe circa 2-3 cm, mettetelo in una ciotola e conditelo con olio, sale e pepe.
Tuffate i vermicelli e cuoceteli per il tempo indicato sulla scatola, preparate una padella con un filo d’olio, fatelo scaldare ed unite gli straccetti di salmone facendoli scottare per qualche secondo.
In una casseruola versate il pesto di zucchine, scolate i vermicelli tenendo da parte un po’ di acqua di cottura e versateli nel pesto, mescolate molto bene in modo che il pesto si leghi perfettamente ai vermicelli aggiungendo una mestolata di acqua di cottura per amalgamare meglio il tutto.
Aggiungete il salmone mescolando delicatamente; per finire saltate la pasta per qualche secondo ed impiattate.

Buon appetito.
Anna & Alessia

Annunci

Spaghetti con pesto di zucchine, gamberetti e pomodorini

Un’accoppiata vincente in cucina, zucchine e gamberetti ma con l’aggiunta di un tocco in più: i pomodorini che conferiscono a questo piatto un gusto raffinato e delicato al tempo stesso.
Veloce e molto semplice da realizzare, caratteristica principale di questo piatto è un profumatissimo pesto di zucchine che accentua il delizioso sapore dei gamberetti accompagnati dai pomodorini.
Perfetto sia per pranzo che per cena, con questi ingredienti potrebbe essere definito “primo piatto estivo” ma noi lo prepariamo ogni volta che ci scatta la voglia di “qualcosa di buono”.
Volete prepararli con noi?


Ingredienti per 4 persone
400 grammi di spaghetti
200 grammi di gamberetti
180 grammi di zucchine grattugiate
120 grammi di pomodorini
100 millilitri di olio extravergine d’oliva
40 grammi di pinoli
30 grammi di pecorino romano
30 grammi di parmigiano
8 foglie di basilico
1 spicchio d’aglio
sale q.b.

Preparazione
Preparate il pesto di zucchine unendo in un frullatore le zucchine grattugiate, i pinoli, il basilico, il parmigiano, il pecorino, l’olio ed un pizzico di sale, fate andare fino ad ottenere un composto cremoso.
In una padella aggiungete l’olio, uno spicchio d’aglio e fate rosolare i pomodorini, aggiungete i gamberetti e fate andare a fuoco medio per qualche minuto.
In una capiente pentola portate a bollore acqua e sale, tuffateci gli spaghetti; scolateli al dente aggiungeteli alla padella con i pomodorini e gamberetti e mantecate.
Aggiungete il pesto di zucchine e continuate la mantecatura aggiungendo un po’ d’acqua di cottura nel caso in cui gli spaghetti risultassero secchi.
Impiattate, servite e gustate!
Anna & Alessia

Dalla tradizione ligure il pesto alla genovese

Una delle salse più gustose e conosciute è italiana e più precisamente ligure, il pesto.
La ricetta “antica come il mondo” ancora oggi segue la preparazione dettata dalla tradizione, per farlo occorrono un mortaio, un pestello e tanta … pazienza.
Nel tempo sono state create molte varianti, quella che vi propongo è la ricetta base, a mia opinione, la migliore.

BasilkumPesto
Ingredienti
100 millilitri di olio di oliva extravergine
50 grammi di basilico in foglie
6 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
2 cucchiai di pecorino grattugiato
1 cucchiaio di pinoli
1 spicchio d’aglio
Sale grosso q.b.

basil-829776_960_720
Preparazione
Mettete nel mortaio lo spicchio d’aglio sbucciato precedentemente e cominciate a pestarlo fino a quando si sarà ridotto in crema, aggiungete le foglie di basilico ed un pizzico di sale grosso, lavoratelo contro le pareti del mortaio, continuate fino a quando dalle foglie di basilico non uscirà un liquido verde brillante.
Aggiungete i pinoli e ricominciate a pestare per ridurli in crema.
Aggiungete i formaggi un po’ alla volta, mescolando continuamente fino a quando la salsa risulterà cremosa.
Aggiungete infine l’olio di oliva extravergine a filo, mescolando sempre con il pestello.
Amalgamate bene gli ingredienti fino ad ottenere una salsa omogenea.
Ed ecco pronto uno dei condimenti più gustosi, tutto rigorosamente Made in Italy.
Buon appetito.
Anna

Suggerimenti
La scelta del basilico è importantissima, deve essere rigorosamente ligure, lo riconoscerete dalla forma delle foglie sono molto strette.
Non lavate le foglie di basilico ma pulitele con un panno morbido, manterranno le proprietà integre ed il colore tipico verde brillante.
Potete conservare il pesto:
in frigorifero per 2-3 giorni in un contenitore ermetico, dopo aver ricoperto la salsa con uno strato di olio;
in freezer con la stessa metodologia del frigorifero, potrete scongelarlo sia tenendolo in frigorifero che a temperatura ambiente.
Il basilico si ossida facilmente, cercate quindi di lavorarlo a mano, il calore creato dal frullatore accelera l’ossidazione, nel caso non poteste fare a meno di usarlo lavoratelo molto velocemente, potete tenere le lame che utilizzerete in frigorifero almeno un giorno prima di preparare il vostro pesto in modo che il calore creato sia inferiore.